La tutela della salute della popolazione immigrata ed I percorsi di accompagnamento alla piena integrazione dei migranti: UNHCR-CROAS MARCHE 7 Luglio 2020

La tutela della salute della popolazione immigrata ed I percorsi di accompagnamento alla piena integrazione dei migranti: UNHCR-CROAS MARCHE 7 Luglio 2020

La tutela della salute della popolazione immigrata ed i percorsi di accompagnamento alla piena integrazione dei migranti.

Questo l’approfondimento che il secondo seminario del ciclo UNHCR Croas Marche
”Migrazioni, protezione internazionale, assistenza e tutela delle persone portatrici di esigenze particolari, risposte delle istituzioni e del servizio sociale professionale” ha offerto grazie al contributo di Patrizia Carletti, dell’Agenzia Regionale Sanitaria della Regione Marche e Serena Mancini, assistente sociale dell’Associazione Nazionale Oltre Le Frontiere (ANOLF).

Ha introdotto i lavori la Presidente Marzia Lorenzetti che ha ricordato come la tematica della salute e dell’assistenza sanitaria agli immigrati, per la sua complessità, è trasversale a tutte le aree socio assistenziali e mette il Servizio Sanitario in rapporto con altre amministrazioni (Prefetture, Questure, Enti locali, Enti del terzo settore), richiedendo una visione «politica» di insieme ed una operatività congiunta che concretizzi nel territorio sinergie efficaci.

Il ciclo di seminari, organizzati da Sandra Magliulo per UNHCR e da Pina Ferraro, Presidente della commissione Etica e Deontologia Ordine Assistenti Sociali Marche, permette di approfondire inoltre, temi presenti nel nuovo codice deontologico, in vigore il 1 giugno scorso.

La tutela della salute della popolazione immigrata ed I percorsi di accompagnamento alla piena integrazione dei migranti

Questo l’approfondimento che il secondo seminario del ciclo ” Migrazioni, protezione internazionale, assistenza e tutela delle persone portatrici di esigenze particolari, risposte delle istituzioni e del servizio sociale professionale” ha offerto grazie al contributo di Patrizia  Carletti  dell’Agenzia Regionale Sanitaria della Regione Marche  e Serena Mancini assistente sociale dell’ Associazione Nazionale Oltre Le Frontiere (ANOLF).

Ha introdotto i lavori la Presidente  Marzia  Lorenzetti che ha ricordato come la tematica della salute e dell’assistenza sanitaria agli immigrati, per la sua complessità, è trasversale a tutte le aree socio assistenziali e mette il Servizio Sanitario in rapporto con altre amministrazioni( Prefetture, Questure, Enti locali, Enti del terzo settore), richiedendo una visione «politica» di insieme ed una operatività congiunta che concretizzi nel territorio sinergie efficaci. La Lorenzetti inoltre in riferimento alla pandemia ed al lavoro sociale nell’emergenza,  ha inoltre  ripreso le indicazioni  presenti nel contributo della consigliera  CNOAS Angela Malvaso  al webinar  “Salute dei migranti nella pandemia e Servizio Sociale Professionale Espanet-ISMU dello scorso 13 maggio 2020 “In un’ottica di integrazione socio-sanitaria serve collaborare con le unità speciali di continuità assistenziali (art. 8 del Decreto Legge 14/20 del 9 Marzo 2020) ed implementare la gestione dell’emergenza sanitaria per l’epidemia da COVID-19 nell’ambito dell’assistenza territoriale anche attraverso: L’ informazione sui servizi sanitari, sociali, su quelli assicurati dal terzo settore e quelli resi dalla organizzazioni di volontariato, correlati dei relativi riferimenti telefonici e degli orari. Il servizio di consulenza on line (consulto telefonico, video consulto, visite domiciliari) utile per effettuare anche una tracciatura dei bisogni socio sanitari che devono prevedere necessariamente interventi diversificati e in rete e che arrivino ovunque (presenza di soggetti che non hanno mai contattato servizi sociali né pensato di poterlo fare), assicurando una prima attività di counseling sociale e dando indicazioni agli interessati. La mappatura, messa in rete degli interventi e servizi e loro coordinamento a cura del Servizio Sociale Professionale; L’istituzione del Dipartimento del Servizio Sociale Professionale in sanità che assicuri un coordinamento dei professionisti sociali dell’area sanitaria”.

 

I contributi delle relatrici verranno inseriti a breve nella pagina dedicata

UNHCR-CROAS Marche

NESSUN COMMENTOI

Sorry, the comment form is closed at this time.

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Accetto Centro privacy Impostazioni Privacy Leggi Cookie Policy