Forum Risk Management 2019

Forum Risk Management 2019

PRESENTATO A FIRENZE IL PROGETTO SPERIMENTALE DI INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO SOCIALE ALL’INTERNO DI UNO STUDIO MEDICO ASSOCIATO

Al Forum Risk Management, in corso alla Fortezza Da Basso di Firenze ed incentrato sul tema “La sanità che cambia”, ha partecipato anche l’Ordine Assistenti Sociali delle Marche.

Nell’occasione è stato presentato, con la relazione della professoressa Carla Moretti e dell’assegnista di ricerca e assistente sociale Sara Bugari del Centro di Ricerca e Servizio sull’Integrazione Socio Sanitaria dell’Università Politecnica delle Marche, il progetto sperimentale di integrazione dell’assistente sociale all’interno di uno studio medico associato di Castelfidardo (in provincia di Ancona), realizzato dall’Ordine regionale in collaborazione con CNOAS, SUNAS, FIMMG e Politecnica.

“Il progetto – ha spiegato la presidente dell’Ordine Marzia Lorenzetti – si colloca in una concezione globale di salute della persona, promuovendo l’integrazione ed il coordinamento degli interventi di natura sanitaria con quelli di tipo socio-assistenziale. In particolare, l’attenzione è rivolta alle persone non autosufficienti, agli anziani in situazioni di fragilità e a rischio di ospedalizzazione. In un ambito di valutazione multidimensionale, l’assistente sociale inserito all’interno degli studi medici, intercetta e attiva azioni di accompagnamento per le persone che vivono in situazioni di fragilità e che non riescono ad ‘arrivare’ ai servizi socio-sanitari territoriali. I dati emersi confermano che gli interventi dell’assistente sociale negli studi medici di Medicina Generale assumono un grande valore anche in termini di prevenzione”.

Sulla progettualità avviata a Castelfidardo si è innestata un’ulteriore ricerca a cura dell’Università Politecnica delle Marche, relativa alla costruzione di strumenti di valutazione, nell’ambito della fragilità/cronicità, e ai determinanti sociali della salute. “Finora – ha concluso la presidente – abbiamo riscontrato un grande interesse di altre regioni verso questo modello organizzativo che può sostenere lo sviluppo della Medicina Generale nel territorio, con il potenziamento degli ambulatori territoriali.
Modello che l’Università Politecnica delle Marche, la FIMMG e l’Ordine regionale hanno segnalato in sede di contributo al Piano Socio Sanitario Regionale 2019-2021, al fine di poter portare a sistema il modello organizzativo all’interno della sanità marchigiana.

Grazie alla sensibilità della nostra Regione, il progetto è stato inserito, come sperimentazione da implementare a livello regionale, nella scheda relativa agli ambulatori avanzati di medicina generale per la qualità e appropriatezza dei servizi e dei trattamenti”.
Nel prossimo mese di gennaio è prevista la presentazione del progetto ad Ancona.

All’interno dello spazio allestito a Firenze dal Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali verranno presentate anche alcune esperienze dal territorio marchigiano: Deborah De Angelis con “L’assistente sociale come coach: allenare nuove possibili visioni nella demenza”; Michela Bomprezzi con “Buone prassi di lavoro con adolescenti”; infine Sabrina Banzato con “La consulenza sociale per autori di violenza.

NESSUN COMMENTOI

Sorry, the comment form is closed at this time.

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Accetto Centro privacy Impostazioni Privacy Leggi Cookie Policy