25 NOVEMBRE – GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

25 NOVEMBRE – GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

Come Assistenti Sociali vogliamo sottolineare la necessità di nominare adeguatamente un fenomeno che pone le sue basi sulla diseguale ripartizione di potere tra donna e uomo e che è sempre esistito e che e si realizza attraverso varie forme, modalità e aspetti.

La violenza contro le donne non è un’emergenza sociale, è un dato di realtà di moltissime donne che, proprio a causa di una invisibilità sociale del fenomeno e di una società in cui ancora le donne appartengono alla categoria “dei soggetti deboli”, ritengono di non doversi ribellare all’interno di un destino considerato “ineluttabile”. Tutto ciò le spinge, spesso, a ritenere “normale” un rapporto di coppia diseguale dove, in una certa misura, una qualche forma di sottomissione è “scontata” nella coppia e dove, ad esempio, la gelosia diviene giustificazione per tutti quegli atti che sono prodromi di un agire maltrattante e per il controllo eccessivo che il partner ritiene di agire nei confronti della “propria” donna.

Il nostro impegno quotidiano nel contrasto alla violenza rileva ed è proteso a rilevare, con estrema chiarezza, la necessità di lavorare in rete con tutti i servizi territoriali, se si vogliono seriamente porre in essere adeguate azioni di supporto e contrasto, attraverso operatori e operatrici adeguatamente formate e costantemente orientate verso un modello organizzativo che prevede il confronto costante tra tutti i servizi preposti – e quindi con le persone che ne fanno parte – attraverso lo scambio continuo di informazioni mirate, un linguaggio comune da condividere e, soprattutto, delle procedure di intervento congiunte che daranno i loro frutti solo se costruite insieme, con un percorso che prevede tempo e monitoraggio continuo.

Per fare ciò occorre la volontà istituzionale di rendere operativo tale modello organizzativo di intervento e, non meno importante, la volontà personale di ogni singolo operatore e di ogni singola operatrice che, in ultima analisi, rappresentano il vero problema nonché la risoluzione, alla messa in campo di tale approccio di rete.

Questo l’impegno che vogliamo assumerci e che all’interno del nostro codice deontologico trova la sua massima espressione.

 

NESSUN COMMENTOI

Sorry, the comment form is closed at this time.